volterra@csi.net.it
© CSI Volterra
Tesseramento ON LINE
In breve.......
MAGGIORI INFORMAZIONI MAGGIORI INFORMAZIONI stadium special
aggiornamento 25.03.2021
Istruzioni per il Registro CONI
COVID 19 NEWS ATTIVITA’ NELLE SCUOLE
COMPENDI LINEE GUIDA
Il CSI mette a disposizione di tutte le proprie società sportive affiliate uno sportello di consulenza gratuita in merito a problemi e quesiti di ordine legale e/o fiscale delle società sportive. I contatti sono in calce alla pagina. Le consulenze, fornite dai nostri esperti in materia, sono completamente gratuite per le società affiliate al CSI nella stagione in corso, così come gratuita è anche la telefonata se effettuata al Numero Verde dedicato (solo chiamate da rete fissa).
UFFICIO PER I PROBLEMI GIURIDICO - FISCALI
Non costa nulla, ma perché dare il proprio contributo al CSI di Volterra? Per aiutarci a portare l’attivita’ sportiva nelle scuole, anche nei plessi piu’ lontani, quale strumento di educazione del corpo e della mente. Per sostenerci nel proporre ai piu’ giovani un’esperienza idonea a maturare nelle loro personalita’ valori di condivisione e di solidarieta’. Per rendere possibile percorsi formativi a inclusivi ai nostri figli piu’ fragili che subiscono un handicap fisico, psichico o sociale. Per portare in tutto il territorio i servizi necessari a vivere una terza eta’ fatta di benessere e di una sana corporeita’. Per la promozione delle associazioni e delle societa’ sportive che si impegnano nel sostegno sociale e nella diffusionedella cultura sportiva. Per la realizzazione di una “rete del fare” che si attivi e collabori con le istituzioni per realizzare un servizio diffuso nel territorio. SOSTIENI IL CENTRO SPORTIVO ITALIANO DI VOLTERRA DAI IL TUO CONTRIBUTO OFFRENDO IL TUO 5 PERMILLE: NON COSTA NULLA - INDICA NELL’APPOSITA CASELLA SUL TUO 730 RISERVATA AL 5 PER MILLE IL NOSTRO CODICE FISCALE 92000770500 LA CASELLA E’ QUELLA INTITOLATA: “SOSTEGNO DEL VOLONTARIATO E DELLE ALTRE ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITA’ SOCIALE, DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE E DELLE ASSOCIAZIONI E FONDAZIONI RICONOSCIUTE CHE OPERANO NEI SETTORI DI CUI ALL’ART.10, C. 1, LETT. A), DEL D. LGS. N. 460 DEL 1997 UN GRAZIE A TUTTI QUANTI VORRANNO AIUTARCI CONCRETAMENTE DAL CONSIGLIO - DAGLI OPERATORI DAI BAMBINI DAGLI ANZIANI – DAGLI ADULTI DEL CSI DI VOLTERRA
CINQUE PER MILLE AL CENTRO SPORTIVO ITALIANO DI VOLTERRA
G A L L E R I A
FOTO
VIDEO
SUPERBONUS, PER GLI ENTI NON PROFIT
Istruzioni  uso SERVIZI ALLE SOCIETA’ SPORTIVE INCLUSI GRATUITAMENTE  NELL’AFFILIAZIONE SERVIZI AGGIUNTIVI E SCONTI  ESCLUSIVI PER AFFILIATI AL CSI NUOVA TESSERA CSI MINI ISTITUZIONALE

IL CSI COSA E'

IO GIOCO SICURO - Opportunità e servizi per le società sportive LINEE GUIDA - Ginnastica artistica ALLEGATO 5_ Modulo di autodichiarazione Covid-19
IL COMITATO RISPONDE  IL COMITATO RISPONDE 

TUTTE LE DATE RELATIVE ALLA PROGRESSIVA

ELIMINAZIONE DELLE RESTRIZIONI

Varato

dal

Consiglio

dei

Ministri

del

21

aprile

2021

il

decreto

legge

con

il

cronoprogramma

sulle

riaperture.

In

ambito

sportivo

dal

26

aprile

2021,

in

zona

gialla,

nel

rispetto

delle

linee

guida

vigenti,

è

consentito

lo

svolgimento

all'aperto

di

qualsiasi

attività

sportiva

anche

di

squadra

e

di

contatto.

Inoltre,

dal

15

maggio,

sempre

in

zona

gialla,

sono

consentite

le

attività

delle

piscine

all'aperto

e,

dal

giugno,

quelle

delle

palestre.

Roma

22

aprile

2021

-

Il

Consiglio

dei

ministri

ha

varato

il

nuovo

“Decreto

riaperture”

in

vigore

dal

26

aprile

fino

al

31

luglio,

con

il

ritorno

delle

zone

gialle.

All'interno

sono

contenute

anche

le

date

per

il

ritorno

in

attività

degli

sportivi.

Dal

26

aprile

sono

consentite

in

zona

gialla

le

attività

sportive

all'aperto,

anche

di

squadra

e

di

contatto.

Resta

interdetto l'uso degli spogliatoi.

A

decorrere

dal

15

maggio

2021

in

zona

gialla

si

può

tornare

a

nuotare

in

piscina,

ma

solo

all'aperto,

in

conformità

ai

protocolli

e

alle

linee

guida

adottati

dalla

Conferenza

delle

Regioni

e

delle

Province

autonome

sulla

base

dei

criteri

definiti

dal

Comitato

tecnico-scientifico.

Resta

interdetto

l'uso

degli

spogliatoi.

In

zona

gialla

riprendono

le

attività

delle

palestre

dal

giugno.

Necessario

il

rispetto

dei

protocolli

e

delle

linee

guida

su

distanziamento

e

sanificazione.

Resta

interdetto

l'uso

degli

spogliatoi.

Dal

giugno

in

zona

gialla

si

potranno

seguire

in

presenza

eventi

sportivi

in

stadi

o

palazzetti

con

capienza

non

superiore

al

25%

e

non

più

di

1.000

spettatori

all'aperto

e

500

al

chiuso.

Si

potranno

seguire

eventi

e

competizioni

di

livello

agonistico

e

riconosciuti

di

preminente

interesse

nazionale

da

Comitato

olimpico

nazionale

italiano

(Coni)

e

Comitato

italiano

paralimpico

(Cip).

Quindi

sport

individuali

e

di

squadra,

organizzati

dalle

federazioni

sportive

nazionali,

ma

anche

discipline

sportive

associate,

eventi

di

enti

di

promozione

sportiva

o

organizzati

da

organismi

sportivi

internazionali.

Le

attività

dovranno

svolgersi

nel

rispetto

delle

linee

guida

ad

hoc.

In

caso

non

fosse

possibile

assicurare

il

rispetto

delle

condizioni

individuate,

gli

eventi

e

le

competizioni

sportive

dovranno

svolgersi

senza

pubblico.

Per

eventi

di

particolare

rilevanza

e

tenuto

conto

delle

caratteristiche

dei

siti,

è

possibile

autorizzare

la

presenza

di

un

numero

maggiore

di

spettatori.

Il

governo

ha

precisato

che

sarà

possibile

anche

prima

del

giugno

autorizzare

lo

svolgimento

di eventi sportivi di particolare rilevanza.

Il

decreto

pubblicato

in

Gazzetta

Ufficiale

-

si

legge

in

una

nota

sul

sito

del

Governo

-

prevede

che

tutte

le

attività

oggetto

di

precedenti

restrizioni

debbano

svolgersi

in

conformità

ai

protocolli

e

alle

linee

guida

adottati

o

da

adottare

da

parte

della

Conferenza

delle

Regioni

e

delle

Province

autonome

sulla

base

dei

criteri

definiti

dal

Comitato

tecnico-

scientifico.

PRIMA CONVIVALE: 10 E LODE Veramente efficace l’esposizione di Roberto Mazzantini al Centro Ricreativo Don Bosco nella sala del circolo di San Francesco. Con l’ausilio dello strumento televisivo e dei servizi trasmessi, intervallati dai suoi commenti e dalle sue argomentazioni, ha esposto un progetto di studio portato in Italia nelle scuole a oltre 20.000 studenti. Abbiamo affrontato la storia del doping, dalla nascita del termine, a come lo praticavano i Greci e i Romani od anche nei secoli scorsi. Quali e quanti sono i doping possibili, le sostanze e le tecniche usate e i rischi che si accompagnano ad ognuno di loro. Le conseguenze psicologiche, sociali ma anche penali, perché consumare doping è reato in Italia, purtroppo in molte altre parti del mondo invece no. E non pensiamo che il doping sia legato solo allo sport di vertice: il doping è molto diffuso anche nello sport amatoriale. Ma se è certo che non è vero che per vincere ad alti livelli sia necessario doparsi è altrettanto certo che non se ne esce da questo problema se non si acquisisce una diffusa cultura della legalità. Come sempre è un problema eminentemente culturale. Alla fine dell’esposizione assolutamente gradevole e mai faticosa, sono piovute le domande dei convenuti evidentemente soddisfatti prima dalle prelibatezze della cucina e poi dal percorso culturale offerto. Grazie Roberto e … alla prossima!

CON LO SPORT CONTRO IL FUMO:

A PRIMAVERA SARA’ PRESENTE IL PRESIDENTE

NAZIONALE

Nell’ultima comunicazione agli Assessori delle Amministrazioni Comunali partecipanti e ai Dirigenti Scolastici degli Istituti iscritti, il responsabile della Formazione CSI Mario Pertici ha voluto approfondire lo stato della lotta al tabagismo in questo periodo di difficoltà e restrizioni. L’Istituto Superiore della Sanità infatti ha svolto nel merito uno studio in collaborazione con l’Istituto Farmacologico Mario Negri, presentato in occasione della giornata mondiale senza tabacco (31.5.2021). Purtroppo si è evidenziato che la pandemia ha influenzato i più radicati stili di vita e, tra le altre cose, ha significativamente modificato le abitudini degli Italiani rispetto al fumo. Dopo una iniziale diminuzione nel periodo pre lockdown, da gennaio ad aprile 2020, c’è stato un aumento dei fumatori a maggio 2021 del 26%, equivalente a 11,3 milioni di fumatori in più. Non diminuisce inoltre il numero dei giovani fumatori: 1 su 3 tra i 14 e i 17 anni ha già avuto un contatto con il fumo di tabacco e quasi il 42% con la sigaretta elettronica. Interessante è comunque vedere il ruolo che nel contesto hanno giocato gli HTTP (chimica) e le e-cig (sigarette elettroniche). Infatti, mentre il 7,7 per cento di chi non ha mai usato le sigarette elettroniche è tornato a fumare, ben il 39,1% fra i consumatori di e-cig è ricaduto nel consumo di sigarette tradizionali. Similmente, mentre l’11,2% di chi non ha mai usato HTTP è tornato a fumare, il 58,3% di chi usa HTTP è tornato anche a consumare sigarette tradizionali. Inoltre a novembre il 14,6% degli individui che erano fumatori di sigarette tradizionali ad aprile, durante il lockdown duro, sono riusciti a cessare e diventare ex fumatori. Anche in questo caso l’uso dei prodotti di nuova generazione come HTTP e e-cig hanno giocato un ruolo negativo sulla cessazione. Infatti il 15,4% di chi non ha mai usato e-cig è riuscito a smettere di fumare, mentre solo il 6,7% di chi è utilizzatore di e-cig è riuscito in questo intento. Similmente il 15,5% di chi non ha mai usato HTTP è riuscito a diventare ex fumatore, mentre nessuno di chi usa HTTP è riuscito a perdere il vizio. Queste notizie non belle ci inducono a moltiplicare gli sforzi sul nostro progetto e quindi veniamo alle nostre programmazioni. 1) A Settembre rilanceremo il progetto e consegneremo i premi agli Istituti di Peccioli e Capannoli. 2) A ottobre recupereremo la Festa sportiva che dovevamo fare questa primavera a Palaia. 3) A novembre lanceremo il concorso grafico 2021-2022. 4) A Maggio del 2022 faremo la festa sportiva 2022 a Castelnuovo VC. E la novità grossa arriva proprio ora: Venerdì 20 Maggio 2022 verrà a Volterra a tenere una conferenza al Centro Ricreativo Don Bosco il Presidente Nazionale del CSI Vittorio Bosio. La riunione terminerà in tarda serata e pertanto il Presidente dormirà a Volterra, Se noi facessimo la festa a Castelnuovo VC Sabato 21 Maggio 2022, il Presidente ha già dato la propria disponibilità per stare un po’ di tempo con noi.
LAVANDERIA SPLASH si aggiudica il torneo estivo di calcio a 5
PERCORSO FORMATIVO DEL COMITATO DI VOLTERRRA
CARTELLONE DEI CORSI DI FORMAZIONE
Luglio 2021/Agosto 2022
SECONDA CONVIVIALE FORMATIVA – SPOSTAMENTO DI DATA Dopo il successo della prima conviviale formativa del percorso disegnato dal CSI di Volterra presso il Centro Ricreativo Don Bosco, c’è molta attesa nel merito del secondo appuntamento. Purtroppo dobbiamo comunicare a tutti gli sportivi di un piccolo cambio di programma: per motivi meramente organizzativi la programmazione è stata spostata da sabato 31 luglio a domenica 1 agosto, ferme restando tutte le altre componenti. Ricordiamo che l’evento è riservato ai soli soci, che il contributo richiesto per partecipare all’iniziativa è di ero 20 per ogni socio intervento. Per partecipare e, all’occorrenza, per farti socio vai su PRENOTA.CSIVOLTERRA.IT Vi ricordiamo che Il Centro Sportivo Italiano di Volterra organizza per l’anno sportivo 2021- 2022 un percorso formativo aperto a tutti gli sportivi: ogni mese due relatori interverranno presso la sede del CSI volterrano al Circolo di San Francesco per trattare diversi argomenti. Gli incontri avranno la forma della conviviale e quindi, oltre ad ascoltare un esperto di primo piano trattare argomenti di comune interesse, porre delle domande ed eventualmente discutere e approfondire le relative risposte, i convenuti potranno anche dilettarsi con le leccornie della casa. Il prossimo intervento, anch’esso come sempre riservato ai soli soci CSI, un tempo calendarizzato per sabato 31 luglio, per motivi organizzativi è stato spostato a DOMENICA 1 AGOSTO 2021 TRAMAGLINO FRANCESCO Dal Maggio 2003 e attualmente in corso è in carico alla PRESIDENZA NAZIONALE del CENTRO SPORTIVO ITALIANO Occupandosi, fra le altre cose, di amministrazione del personale, contrattualistica, gestione fiscale, contabilità e bilancio, dichiarazioni fiscali e gestione della privacy. Da Gennaio 2003 e attualmente in corso, esercita l’attività di libero professionista allo STUDIO LEGALE PIRO – ROMA Dove si occupa fra l’altro di controversie fiscali e del lavoro, assistenza extragiudiziale ad imprese ed enti non commerciali in materia civilistica, contrattualistica, fiscale e del lavoro. Da luglio 2013 a maggio 2019 ha svolto l’attività di consulente tributario per la VI Commissione Finanze: esperto tributarista con compiti di redazione dei testi legislativi e degli atti di sindacato parlamentare. 1996 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITA’ LA SAPIENZA DI ROMA DOTTORE IN ECONOMIA 110/110 2010 ABILITAZIONE IN QUALITA’ DI INTERMEDIARIO TELEMATICO PRESSO AGENZIA DELLE ENTRATE Argomento: Riforma del Terzo Settore e dello Sport Dilettantistico Quali benefici per circoli culturali e associazioni sportive? Viaggio nelle nuove opportunità del Non Profit Cenni sulla Riforma del Terzo Settore - La contestuale Riforma dello Sport Dilettantistico - Gestire l'attività sportiva dilettantistica e tanto altro nel Terzo Settore: il nuovo modello della APSSD - Costituire una APSSD: modelli di statuto ed atto costitutivo - Iscrivere la APSSD nel Registro CONI e nel Registro APS (in futuro RUNTS) - I regimi fiscali della APSSD - Volontariato e lavoro sportivo nella APSSD - Cenni su bilancio e scritture contabili della APSSD PER PRENOTARSI PRENOTA.CSIVOLTERRA.IT Per informazioni: Mario Pertici Responsabile Formazione CSI Volterra 3492191776 SI INVITANO I CONVENUTI AD ESSERE PRESENTI QUALE MINUTO PRIMA DELLE 20.00 PER POTER INIZIARE IL PROGRAMMA TEMPESTIVAMENTE
CSI VOLTERRA