CSI - Volterra
Notizie
© CSI - Comitato di Volterra

UN PRIMO MAGGIO A QUARRATA

Un grande successo per la prima prova regionale di atletica leggera. La pur grande tribuna dello Stadio “Raciti” (80 metri di tribuna per 8 gradoni) non è stata sufficiente a contenere gli spettatori: 430 iscritti, 32 Società sportive non è da tutti i giorni 860 atleti/gara in 6 ore e mezzo di gare. Gli iscritti erano in massima parte delle categorie giovanili. Tutti sono stati sul campo dalle 8 alle 14,30. Sono stati protagonisti oltre 200 giovani della categoria esordienti (6-11 anni) che si sono cimentati nelle prove di duathlon (50 metri per tutti e salto in lungo, getto del peso e lancio del vortex a seconda della categoria). Altrettanti sono stati i protagonisti dalle categorie ragazzi fino ai master che si sono dati battaglia per conquistare il titolo regionale Csi nelle prove dei 3000 e 5000 metri, nel getto del peso, nel salto in lungo e nelle gare di velocità.

UNIVERSIADE, IL PAPA BENEDICE LA TORCIA DI NAPOLI 2019

La Torcia è partita per la sua quinta tappa da Piazza San Pietro, percorrendo Via della Conciliazione per arrivare presso la sede nazionale del Centro Sportivo Italiano, dove alle 12.30 il presidente del Csi Vittorio Bosio ha accolto tedofori e autorità del mondo sportivo ed ecclesiastico per i saluti istituzionali. La Torcia dell’Universiade Napoli 2019 continua il suo percorso. Dopo la tappa di Assisi, è arrivata alla Città del Vaticano. La Torcia, simbolo di pace, unione e fratellanza, è stata benedetta dal Santo Padre al termine dell’Udienza generale, dopo di cui è partita per la sua quinta tappa da Piazza San Pietro, percorrendo Via della Conciliazione per arrivare presso la sede nazionale del Centro Sportivo Italiano, dove alle 12.30 il presidente del Csi Vittorio Bosio ha accolto i tedofori e autorità del mondo sportivo ed ecclesiastico per i saluti istituzionali.

“GIOCOINSIEME”

PROGETTO DI EDUCAZIONE CORPOREO/PSICOMOTORIA SCUOLA DELL’INFANZIA POMARANCE, CASTELNUOVO DI VAL DI CECINA E LARDERELLO Nel mese di maggio si è concluso il Progetto Gioco Sport svolto nella Scuola dell'infanzia dell'Istituto M. Tabarrini di Pomarance. I bambini delle scuole di Castelnuovo V.C., Larderello e Pomarance hanno svolto la loro festa di chiusura dell'anno scolastico presso le palestre dando una dimostrazione delle abilità motorie acquisite durante lo svolgimento del Progetto. Il progetto “GIOCO SPORT” ha come obbiettivo l'educazione corporeo motoria attraverso la creazione e la valorizzazione delle situazioni di gioco motorio-corporeo e la maturazione complessiva del bambino,non solo nella competenza motoria ma anche relazionale e dell'autostima. Il lavoro per l’attuazione del progetto prevede che la metodologia d’intervento sia diversificata per ognuno dei gruppi (3 e 4-5 anni). I bambini di 3 e 4 anni hanno eseguito un percorso diversificato per le competenze motorie acquisite, i bambini dell'ultimo anno anno svolto una serie di esercizi individuali complessi oltre a giochi di squadra. Nella foto durante una lezione del tecnico incaricato Giulia Giaretti.

PIÙ TEMPO PER GLI ADEGUAMENTI STATUTARI

A MAGGIORANZA SEMPLIFICATA?

L’11 giugno scorso, le commissioni riunite Bilancio e Finanze della Camera hanno approvato un emendamento alla legge di conversione del decreto Crescita che propone di spostare al 30 giugno 2020 il termine (ad oggi fissato per il 3 agosto 2019) per l’adeguamento degli statuti alle disposizioni del Codice del Terzo Settore di onlus, associazioni di promozione sociale, imprese sociali, organizzazioni di volontariato e bande musicali. La modifica passerebbe con una deroga all'articolo 101, comma 2 del Codice del terzo settore che dovrà comunque fare ulteriori passaggi prima di essere convertita in legge. Infatti, perché lo spostamento dei termini sia effettivo, serve che sia Camera che Senato approvino entro il 28 giugno 2019 il testo di legge di conversione, e che questo testo comprenda anche l’emendamento in questione. Ma l’annuncio di un possibile slittamento, suscita già diverse perplessità. Proviamo ad andare con ordine. Secondo la disciplina transitoria dettata dal Codice del Terzo settore, le Onlus, le organizzazioni di volontariato (Odv) e le associazioni di promozione sociale (Aps) possono allineare gli statuti alla riforma entro il prossimo 3 agosto, deliberando le modifiche di “mero adeguamento” con le maggioranze dell’assemblea ordinaria (articolo 101, comma 2). Come chiarito dalla circolare del 31 maggio 2019, non si tratta di una scadenza perentoria per l’adeguamento: decorso il termine del 3 agosto, le Onlus, Odv e Aps potranno, infatti, ancora allineare gli statuti alle nuove disposizioni, dovendo però utilizzare i quorum rafforzati previste per le deliberazioni straordinarie. In un articolo su Il Sole 24 Ore, Gabriele Sepio osserva come le indicazioni della circolare ministeriale e l’emendamento proposto nel Decreto Crescita possano creare un “disallineamento con gli adempimenti connessi all’istituzione del registro unico nazionale del terzo settore”.Se la scadenza per gli statuti dovesse slittare a giugno 2020, infatti, con molta probabilità il registro sarà attivo da prima, con un rischio caos nella fase di trasmigrazione. Come farebbero gli uffici del Runts a verificare i requisiti richiesti dal codice se molti enti non hanno ancora modificato i propri statuti? Tra le perplessità sollevate da Sepio, inoltre, la menzione di categorie non considerate particolari enti del terzo settore, come le bande musicali, e che non hanno accesso alle modalità semplificate previste per Onlus, Odv e Aps. Infine, il riferimento alle imprese sociali, il cui termine di adeguamento dello statuto è già scaduto lo scorso 20 gennaio.“La possibile proroga al giugno 2020 per apportare le modifiche statutarie previste dalla riforma del terzo settore può essere utile solo nella misura in cui consenta al nostro mondo di uscire dalla situazione di incertezza legata ai tempi di attivazione del registro unico del terzo settore” così Claudia Fiaschi, portavoce del Forum Terzo settore commenta l’approvazione di un emendamento al Decreto “Crescita” in un comunicato stampa. La Fiaschi sottolinea anche che in questi mesi molti enti hanno già provveduto a mettersi in regola o hanno già convocato le loro assemblee. “La proroga dei termini per le modifiche statutarie potrebbe anche avere una sua utilità aggiunge la portavoce solo se ancorata ai tempi di entrata in vigore del registro unico del Terzo settore. Diversamente una nuova scadenza slegata al funzionamento del registro rischia di introdurre ulteriori elementi di incertezza.”

CON LO SPORT CONTRO IL FUMO APPRODA A CAPANNOLI

Bella e ben riuscita la festa finale del progetto “Con lo Sport contro il fumo” ambientata nella palestra di Saline alla presenza degli assessori del territorio. Duecento ragazzi e ragazze si sono sfidate nei giochi classici dello “Sport in Piazza” del CSI di Volterra. Grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra e dei dieci comuni organizzatori, questo progetto va avanti dalla stagione sportivo/scolastica 2003-2004 con sempre maggior successo e già si sta preparando il programma del prossimo anno. La vittoria di Capannoli è avvenuto solo grazie all’impiego intelligente del jolly che moltiplica i punteggi ottenuti in un gioco: punteggio pieno di Capannoli nella bandierina (20 punti realizzati) e solo quarto posto di Volterra (seconda classificata nella classifica generale) nel tiro alla fune (14 punti in totale). Questo handicap (6 punti) ha fatto la differenza. Ottime le prestazioni di Palaia e Montecatini VC, per Peccioli e Palaia buoni piazzamenti, Castelnuovo e Pomarance a pari merito, buona prestazione di Monteverdi che, nonostante sia il plesso più piccolo è riuscito comunque a superare Terricciola che, clamoroso, è la squadra che aveva vinto nella scorsa edizione e quest’anno è arrivata ultima. Ma nello “Sport contro il fumo” non si arriva mai ultimi e si vince sempre tutti per la gioia e il divertimento davvero genuino di tutti i ragazzi. Nel corso della festa sono stati anche premiati i vincitori del concorso grafico “Con lo Sport contro il fumo”, già presentati su questo settimanale in una scorsa edizione. Ecco la composizione della classifica finale: CAPANNOLI 42 punti VOLTERRA 37 punti PALAIA 34 punti MONTECATINI VAL DI CECINA 30 punti PECCIOLI 27 punti LAIATICO 22 punti CASTELNUOVO VAL DI CECINA 17 punti pari merito POMARANCE 17 punti pari merito MONTEVERDI MARITTIMO 14 punti 10° TERRICCIOLA 11 punti