CSI - Volterra
Notizie
© CSI - Comitato di Volterra

CONTRIBUTI AL NON PROFIT: ARRIVANO I CONTROLLI

Nuovi controlli in arrivo per le pubbliche amministrazioni che erogano contributi, sovvenzioni o vantaggi economici, anche non monetari (ad esempio, comodato di beni) a enti del terzo settore, di valore annuo complessivo superiore a 10.000 euro. L'articolo 1, commi 125-129 della legge 4 agosto 2017 n. 124 ha introdotto specifici obblighi di trasparenza e di pubblicità a carico dei soggetti che intrattengono rapporti economici con le pubbliche amministrazioni e questi adempimenti sono stati analizzati dal parere n. 1449/2018 reso dal Consiglio di Stato e dalla circolare del ministero del Lavoro 11 gennaio 2019. Nei citati documenti viene anche precisato che le amministrazioni pubbliche sono tenute a verificare, già dall'anno 2019, relativamente ai vantaggi economici effettivamente erogati nell'anno 2018 (principio di cassa), se gli adempimenti richiesti sono stati posti in essere, pena l'applicazione di sanzioni che possono arrivare anche all'obbligo di restituzione delle somme ricevute da parte dei soggetti percettori (obbligo di restituzione posto a carico solo dei soggetti costituiti in forma di impresa). Va ricordato che gli enti pubblici che erogano risorse finanziarie o concedono l'utilizzo di beni immobili o strumentali di qualunque genere agli enti del Terzo settore, finalizzate allo svolgimento delle attività statutarie di interesse generale, sono tenuti a effettuare i controlli amministrativi e contabili necessari a verificarne il corretto impiego, ai sensi dell'art. 93, c. 4, del codice del terzo settore. Di conseguenza il Consiglio di stato e il Ministero del Lavoro hanno ritenuto che gli adempimenti degli obblighi di pubblicità e di trasparenza afferiscano al corretto impiego delle risorse pubbliche, finanziarie e strumentali e rientrino, quindi, a pieno titolo in tali obblighi di controllo e verifica. Le informazioni che gli enti del terzo settore, comprese le cooperative sociali, sono tenuti a pubblicare sui loro siti internet, sui portali digitali o sul sito della rete associativa, preferibilmente in forma schematica e di immediata comprensibilità, sono i seguenti: a) denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente; b) denominazione del soggetto erogante; c) somma incassata (per ogni singolo rapporto giuridico sottostante); d) data di incasso; e) causale. Per garantire il rispetto dell'adempimento, si consiglia agli enti locali di adottare disposizioni organizzative finalizzate a garantire che, nelle determine di concessione di vantaggi/benefici economici, sia inserita la seguente frase: "l'ufficio provvederà alla vigilanza degli obblighi previsti dalla Legge 4 agosto 2017, n.124, art. 1, commi 125-129 - Adempimento degli obblighi di trasparenza e di pubblicità, così come disciplinati dalla Circolare del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali n. 2 del 11/01/2019. In caso di concessione di nuovi benefici, inoltre, il responsabile dell'ente dovrà indicare il sito del soggetto beneficiario in cui saranno pubblicati i vantaggi concessi e/o l'obbligo dell'invio della nota integrativa nel caso in cui, secondo la normativa, la stessa debba contenere questa informazione. Trasparenza del Comitato CSI di Volterra su questo sito dove potrai trovare tutta l’informativa che cerchi sulle normative e sulle attività

CSI INTERNATIONAL

A Lisbona il terzo incontro del progetto Elit-In - Presso l’hotel Riviera di Carcavelos, si sono incontrati i partner del progetto europeo Erasmus+ sport, Elit-In. Mercoledì 13 Febbraio, si è svolto a Lisbona il terzo incontro del progetto europeo ELIT-In, che ricordiamo, si propone di facilitare il reinserimento degli atleti di alto livello, nel mondo del lavoro dopo la carriera sportiva. Prima di iniziare le attività, è stato necessario rivedere l’organigramma del partenariato poiché la Federaciòn Andaluza de Nataciòn ha dovuto lasciare il progetto, al suo posto è subentrata l’Universitat de les illes Balears Roma il kick off meeting del progetto #W4AL - Presso la sede nazionale del Centro Sportivo Italiano, si sono incontrati i partner del progetto europeo Erasmus+ “Walk for all for life”. Dal 18 al 20 febbraio, si sono svolte presso la presidenza nazionale del Centro sportivo italiano, tre intense giornate di lavoro sul progetto Walk for all for life, che ricordiamo, si propone di promuovere stili di vita individuali più sani negli adolescenti e nei giovani attraverso l’attività del Walking sportivo. Durante il meeting, i partner si sono conosciuti condividendo il lavoro che ognuno di loro svolge all'interno della propria associazione. Si è poi passati allo studio delle regole amministrative e finanziarie da seguire ai fini di una corretta rendicontazione, oltre alla condivisione di idee per lo sviluppo dell’APP, prevista per supportare le attività progettuali. Sono stati definiti gli step successivi e la metodologia da seguire. È stato programmato dall’8 a 10 luglio a Trento, l’evento di formazione per lo staff italiano che si occuperà delle attività di Walking. In attesa del prossimo meeting, che si svolgerà ad Aprile a Salonicco, verranno raccolte le best practices di ogni paese che comporranno man mano delle linee guida. In Slovenia il “#Resport Winter Camp” - Dal 5 al 7 febbraio a Maribor, si è svolto il “Resport Winter Camp”, organizzato dal partner sloveno presso il Centro Naprej, e che ha coinvolto 70 partecipanti portatori di disabilità. Grazie al camp, sono state realizzate diverse attività sportive e ricreative sulla neve e al coperto, quali ad esempio sci, ciaspole, slittino, nordic walking, orienteering ed escursionismo, con allenatori locali che hanno lavorato fianco a fianco con esperti e ragazzi disabili da tutta Europa. A Parigi il kick off meeting di Sports Identity - Dal 23 al 25 gennaio, si è svolto presso il centro di formazione e preparazione sportiva francese CREPS, il primo incontro del progetto Sports Identity, finanziato nell’ambito del programma Erasmus+ KA2 con l’Agenzia Nazionale francese. Il capofila del progetto Jean Raymond Marquez, direttore del centro CREPS, ha riunito una partnership proveniente da 4 paesi europei: Austria (ASVÖ Salzburg), Francia (CREPS), Italia (CSI e CEIPES), Portogallo (CAI) rappresentata da organizzazioni/associazioni che lavorano nell’ambito del sociale, dell’educazione e dello sport. Il progetto mira a comprendere meglio il fenomeno di radicalizzazione violenta dei giovani, crescente in Europa. Questo fenomeno avviene quando la distanza di opinione determina uno scontro tra le parti con esclusione di ogni possibilità di soluzione o di compromesso. Il progetto inoltre si propone di promuovere la trasmissione di valori dello sport, in una prospettiva di sviluppo della cittadinanza attiva e aperta. A tal fine si lavorerà per creare e sviluppare un modello di formazione ad hoc per professionisti di diversi settori, creare strumenti/programmi educativi che consentano agli operatori sportivi ad identificare, prevenire e gestire questi fenomeni. Prossimo step, sarà la raccolta delle buone pratiche, nel campo della prevenzione dei fenomeni di radicalizzazione, nei diversi paesi.

ATTIVITÀ REGIONALE SPORT DI SQUADRA 2019

E’ convocata per Sabato 6 aprile 2019 alle ore 18,00 presso la Delegazione del Valdarno Inferiore a S. Croce sull’Arno (PI) Via Pipparelli, 4 la riunione preliminare per l’attività regionale degli sport di squadra 2019 con il seguente o.d.g.: 1. Comunicazione attività interregionale di Calcio a 5 Femminile e Pallavolo Mista; 2. Regolamento e programma Attività Regionale di Calcio a 5; 3. Regolamento e programma Attività Regionale di Calcio a 7; Nei Comitati dove alla data della riunione non è ancora terminato il Campionato Territoriale, le Società Sportive potranno essere rappresentate dalle Commissioni Territoriali.

FINALE DELLA JUNIOR TIM CUP: IL CALCIO NEGLI ORATORI

Le quattro squadre ammesse alle Semifinali della Junior Tim Cup, la speciale competizione nazionale riservata alle squadre di calcio degli oratori parrocchiali, in relazione alla fase regionale, sono risultate le seguenti: - Oratorio I Tre Arcangeli del Comitato di Livorno; - Oratorio Subbiano del Comitato di Arezzo; - La Vincente del Comitato di Comitato di Pisa; - S. Verdiana di Castelfiorentino (FI).

SPECIAL OLYMPICS

Alla Tv non ne parlano molto, ma ci sono anche le olimpiadi speciali e meritano almeno un trafiletto sulla stampa locale. Infatti Special Olimpics è un programma internazionale di allenamenti e competizioni, ideato più di cinquant’anni fa da Eunice Kennedy Shriver per permettere alle persone con disabilità intellettiva di essere incluse socialmente attraverso lo sport, mezzo con il quale riescono a dimostrare le proprie abilità. L’entusiasmo, la gioia e la tenacia dei 115 atleti italiani “speciali” ha dato i suoi frutti e sono riusciti a conquistare 21 medaglie d’oro, 41 di argento e 45 di bronzo nell’edizione di quest’anno appena conclusasi ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi. Mezzo secolo fa, era il 1968, si teneva a Chicago la primissima edizione con gli atleti disabili di Stati Uniti e Canada, grazie all’impegno di Eunice Shriver, sorella di John Kennedy, che già nel 1961 aveva convinto il Presidente a varare la prima legge che stanziava fondi per i disabili, fino ad allora emarginati

JUNIOR TIM CUP TOSCANA: I Tre Arcangeli in finale

La Società Sportiva I Tre Arcangeli di Livorno si qualifica per le finali nazionali della Junior Tim Cup battendo l’Oratorio Staggiano di Arezzo per 9 reti a una e il quotato Oratorio Santa Verdiana di Castelfiorentino per 1 a zero. Ricordiamo che la Junior Tim Cup è la competizione fra tutti le rappresentative giovanili degli oratori d’Italia.