CSI - Volterra
Notizie
© CSI - Comitato di Volterra

SPORT E SALUTE SUL DECRETO LIQUIDITÀ

IL DOCUMENTO INVIATO ALLE COMMISSIONI FINANZE E ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI In 16 pagine la struttura operativa dell'Autorità di Governo in materia di sport condensa le principali azioni ed i provvedimenti attuati per contenere gli effetti negativi che l'emergenza epidemiologica COVID-19 sta producendo sul tessuto sportivo italiano. Nella premessa ribadita la mission di Sport e Salute, quella cioè di promuovere lo sport di tutti e per tutti e di valorizzare la funzione sociale dello sport. Sport e Salute, sin dal primo manifestarsi delle conseguenze dell’emergenza epidemiologica, ha posto in essere, da un lato, una serie di attività ed iniziative atte a fronteggiare le conseguenze legate al rapido diffondersi dell'epidemia sanitaria e, dall'altro, misure volte a favorire la tenuta del sistema sportivo e ad agevolare la ripartenza del mondo sportivo. La principale mission di Sport e Salute si legge nella premessa del documento pubblicato sulle misure collegate al decreto liquidità - è quella di promuovere lo sport di tutti e per tutti, di valorizzare la funzione sociale dello sport e il ruolo, insostituibile, dell’attività e dell’esercizio fisico per migliorare il benessere psico-fisico e sociale della popolazione italiana. Questa vale ancor di più oggi, in un momento contrassegnato da una situazione di emergenza epidemiologica che ha colpito il Paese, e in particolar modo le fasce della popolazione più vulnerabili: l’infanzia, l’adolescenza, la terza età, le persone con disabilità, nelle periferie urbane e rurali”. Il documento redatto dalla struttura operativa dell'Autorità di Governo analizza le misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali “Sport e Salute, ha la responsabilità di essere il punto di riferimento per organismi sportivi, associazioni e società sportive, praticanti, semplici appassionati. Un punto di riferimento attivo che si prefigge obiettivi concreti da perseguire adottando misure incisive e immediate per sostenere il sistema sportivo e, così facendo, contrastare la non autosufficienza, il disagio sociale, le malattie croniche e le patologie connesse alla solitudine e ridurre, in tal modo, la spesa del sistema sanitario nazionale. Associazioni e società di base creano oltre ad un indubbio impatto educativo, sociale e sulla qualità della vita, anche elevata occupazione, reddito e gettito fiscale per lo Stato, oltre all’impatto economico indiretto in termini di SROI (social return of interest). Perciò auspichiamo che il Governo e il Parlamento possano avere per il mondo sportivo dilettantistico e amatoriale, in misura proporzionata, la stessa giusta attenzione che verrà riservata al mondo dell’impresa". Nelle 16 pagine del documento, legato ai provvedimenti di legge in esame, si trattano diversi argomenti: dalle evidenze del decreto Cura Italia alle Proposte al Parlamento, finalizzate all’introduzione di ulteriori misure di sostegno per il mondo sportivo di base. Misure chiave per uscire dalla crisi con un sistema sportivo più integrato, più ricco e più vicino alla comunità. Si passa per punti dalla sospensione dei versamenti prevista dal DL 18/2020, alla revisione delle concessioni pubbliche e dei canoni di locazione degli impianti privati, dalla frequenza dei corsi e la sopravvenuta impossibilità della prestazione alla fiscalità di vantaggio. Cenni anche sulla costituzione di un Fondo per le Asd, sul Fondo di investimento per lo Sport e sul Microcredito sportivo. Infine si argomenta sugli investimenti nelle palestre e nelle strutture sportive scolastiche della messa in sicurezza e della dell’azione complessiva del Governo per contenere gli effetti negativi che l'emergenza epidemiologica COVID-19 sta producendo sul tessuto sportivo. Ecco il link per collegarsi: h t t p s : / / w w w . s p o r t e s a l u t e . e u / d o c u m e n t i _ s p o r t _ e _ s a l u t e / 1 3 - m e m o r i a - s p o r t e s a l u t e s p a - d e c r e t o - liquidita%CC%80-29-aprile/file.html

CSI ACADEMY: LA NUOVA FORMAZIONE A DISTANZA

Semplice, intuitiva e facile da utilizzare. E’ nata CSI Academy, la piattaforma per la formazione a distanza del Centro Sportivo Italiano realizzata grazie alla società di servizi Aranblu s.r.l.. Mai come in questi giorni, è divenuta così necessaria una alternativa alla comunicazione tradizionale, occhi che si incrociano in presenza, formatori che cercano gli sguardi e l’attenzione dei corsisti. “Nel mondo sportivo, è la prima esperienza, completamente in proprio, che sia stata messa in atto - c’è entusiasmo e d orgoglio nelle parole del presidente nazionale del Csi, Vittorio Bosio che prosegue - “Nessun altro dispone di uno strumento simile, completamente progettato e in sviluppo al proprio interno. CSI Academy non è semplicemente un rinvio a videoregistrazioni, una community ludico-ricreativa, ma un vero e proprio strumento di e-learning“. Sarà infatti didattica a distanza per la Scuola Nazionale Tecnici che attiverà le proposte dei corsi di aggiornamento a distanza (on-line) utili per l’iscrizione al registro 2.0 e a cui potranno accedere solo gli iscritti al registro nazionale operatori sportivi (allegati 1 e 2). CSI Academy, è anche uno strumento a disposizione dei comitati territoriali e regionali arancioblu, che consentirà l’apertura di “classi” virtuali, a sostegno delle associazioni e dei tesserati sul territorio, a costi assolutamente competitivi. Oltre che dalla Scuola Nazionali Tecnici, infatti, i corsi potranno essere organizzati anche dai singoli comitati provinciali e regionali nell’ambito delle seguenti aree di intervento: area associativa; area medica; area psico-pedagogica; area metodologica; area tecnico-tattica. Uno scatto in avanti nel mondo della formazione sportiva, utile per facilitare la partecipazione e arricchire la formazione ordinaria, garantendo uno sviluppo di managerialità associativa.